Borse griffate contraffatte: sequestrata fabbrica di via Torino

Centrale del falso scoperta a pochi passi dalla stazione. Sequestrate 54 borse contraffatte

Una vera e propria centrale del falso è stata sequestrata ieri pomeriggio dagli agenti dell'Ufficio prevenzione generale della polizia a via Torino a Napoli. I poliziotti hanno scoperto un locale destinato alla produzione di borse griffate contraffatte. Gli uomini in divisa sono riusciti a scoprire il posto dopo aver notato due cittadini extracomunitari che uscivano da uno stabile con addosso due borse di plastica molto ingombranti. Insospettiti hanno deciso di controllare il locale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Hanno subito notato diversi esemplari di borse all'interno di un piano interrato che portava ad un appartamento che sembrava abbandonato. Entrati hanno visto che c'era un mobile che divideva lo spazio da un'altra stanza. Nel momento in cui hanno fatto irruzione hanno trovato un uomo intento a cucire delle riproduzioni di borse. Si tratta di un cittadino del Gambia denunciato per fabbricazione e contraffazione di borse. Gli agenti hanno poi sequestrato un totale di 54 borse contraffatte di vari marchi tra cui Liu-Jo, Prada, Gucci, Burberry e portafogli Chanel e O-Bag ed altre griffe internazionali contraffatte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • De Luca rilancia la movida: "Cinema all'aperto e musica nei locali: apriamo tutto"

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento