menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inchiesta "Golden Goal", sequestro per quasi 1 miliardo di euro

Si tratta dei beni appartenenti a Francesco Cascone, condannato a 10 anni per usura ed estorsione aggravate dal metodo mafioso

A Castellammare di Stabia i carabinieri hanno eseguito un decreto di confisca e sequestro di quattro appartamenti e di un rapporto finanziario, il tutto dal valore complessivo di 900mila euro. Il titolare è Francesco Cascone, classe '62, arrestato già due volte nel 2010 nell'ambito dell'indagine denominata "Golden goal".

La misura preventiva era stata disposta su richiesta della locale Dda. Nell'indagine sono stati contestati, a vario titolo, i reati di associazione a delinquere di tipo mafioso, trasferimento fraudolento di valori, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, spaccio di sostanze stupefacenti, esercizio di scommesse clandestine, impiego di denaro di illecita provenienza.

Francesco Cascone è ritenuto responsabile di usura ed estorsione aggravate dal metodo mafioso. È stato condannato a 10 anni di carcere e ad una multa di 3mila euro, in quanto ritenuto uno degli estorsori del clan D'Alessandro. Era peraltro già stato condannato per reati contro persona, patrimonio e in materia di armi.

Gli inquirenti hanno precisato che i beni mobili e immobili dell'uomo risultavano sproporzionati rispetto al reddito del suo nucleo familiare, da qui i "presupposti oggettivi" per il sequestro operato. Le indagini hanno consentito, inoltre, di individuare scritture private in cui venivano all'uomo donati due immobili, secondo gli investigatori in realtà "chiaramente simulate" laddove il possesso delle case sarebbe invece "effetto di un atto oneroso di compravendita".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Divano: a cosa fare attenzione prima di procedere all'acquisto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento