rotate-mobile
Cronaca Torre del greco

Carburanti a domicilio, la scoperta: due denunce

Nei guai un 45enne di Torre del Greco. La vendita era non autorizzata e in evasione di imposta

Un’autocisterna con 35mila litri tra gasolio e benzina è stata intercettata e sequestrata dalla guardia di finanza. Il conducente dell’automezzo - un 45enne di Torre del Greco - e un acquirente del carburante, questi sorpreso a riempire diverse taniche, sono stati denunciati. Il valore del prodotto sequestrato è di circa 60mila euro.

Il mezzo era all'esterno del cimitero di Santa Maria Capua Vetere. Giunti sul posto, i militari hanno colto in flagrante l’autista che stava scaricando il gasolio in diverse taniche, queste all’interno dell’auto di un uomo. Dall’esame dei documenti di trasporto è emerso che il carburante - proveniente da una società di Roma - era invece destinato ad un’azienda della provincia di Napoli, e quindi la "vendita" ad un privato non solo era ingiustificata, ma era anche in totale evasione di imposta.

La documentazione commerciale che accompagnava il prodotto era - secondo la guardia di finanza - "un mero schermo cartolare, utile in caso di controlli su strada, ma poi da distruggere una volta che il prodotto fosse stato immesso nel circuito parallelo". Si trattava quindi di una sorta di “consegna a domicilio” di gasolio esentasse distribuito direttamente agli acquirenti finali.

Sono stati effettuati dei campionamenti al fine di procedere alla verifica delle specifiche chimiche del carburante.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carburanti a domicilio, la scoperta: due denunce

NapoliToday è in caricamento