Sequestrate auto e moto ad uomo vicino al clan Gionta

In totale gli è stato sottratto un patrimonio di 21mila euro. Gli investigatori lo ritengono legato ad un gruppo vicino ai “valentini”

Un’auto, una moto e la quota di una società sono stati sequestrati ad un pregiudicato di Torre Annunziata, C. B., 31 anni, ritenuto affiliato ad un gruppo criminale legato al clan Gionta. Ad eseguire la misura sono stati i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata all’esito di un’attività di indagine patrimoniale a carico del 31enne che ha evidenziato la sproporzione tra i redditi e le attività economiche svolte dall’interessato, rispetto ai beni mobili di cui il medesimo e il suo nucleo familiare avevano la disponibilità, e la natura illecita del denaro utilizzato dall’interessato per l’acquisizione dei beni mobili sequestrati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 31enne risulta inserito stabilmente nel gruppo criminale, collegato al clan Gionta, capeggiato da Giuseppe Cirillo e Raffaele Sperandeo, con la funzione di coordinare e dirigere le operazioni di acquisto dello stupefacente in Spagna ed Olanda per la successiva rivendita nel territorio nazionale. I beni sequestrati hanno un valore complessivo di circa 21 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Frecce tricolori a Napoli: le immagini spettacolari

Torna su
NapoliToday è in caricamento