rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Cronaca Sant'antonio abate

Area inquinata: nei guai società di raccolta rifiuti nel vesuviano

Sequestrato uno spazio di 850 metri quadri

Questa mattina i carabinieri forestali del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale di Napoli, in esecuzione del decreto di sequestro preventivo, per reati urbanistici ed ambientali, emesso dal Gip del Tribunale di Torre Annunziata, hanno proceduto al sequestro di un'area di circa 850 metri quadri. 

Le indagini, coordinate dalla procura di Torre Annunziata, hanno permesso di raccogliere un grave quadro indiziario nei confronti del rappresentante della  società per i reati di cambio non autorizzato di destinazione d'uso, reato paesaggistico e smaltimento illecito di rifiuti.

In particolare, gli accertamenti tecnici hanno consentito di appurare che l'area sottoposta a sequestro, sebbene avente destinazione agricola e di particolare rilevanza paesaggistica e ambientale, veniva utilizzata dalla società come area di parcheggio continuativo degli automezzi aziendali in violazione della disciplina urbanistica di settore e dei divieti imposti dal Testo Unico Ambientale, determinando, di fatto, anche un pericolo concreto di inquinamento della zona interessata. 

 Il sequestro preventivo dell'area si è reso necessario al fine di inibire la protrazione dei reati accertati e l'aggravamento delle conseguenze degli stessi nonché, come ritenuto dal Giudice delle indagini preliminari, di far cessare la persistente e notevole lesione dell'ordinato sviluppo urbanistico del territorio. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Area inquinata: nei guai società di raccolta rifiuti nel vesuviano

NapoliToday è in caricamento