Mozzarelle, caciocavalli e pane al caldo in un furgone: alimenti al macero

Il sequestro è stato operato dalla Polstrada di Arezzo: fermato un automobilista che guidava un furgone da Castellammare di Stabia, contenente latticini, pane e biscotti stabiesi

La Polizia Stradale di Arezzo, in una operazione effettuata nei giorni scorsi in A/1, ha bloccato un furgone pieno di alimenti conservati male. Il mezzo è stato fermato da una pattuglia della Sottosezione di Battifolle in prossimità del casello di Arezzo, proveniente da Castellammare di Stabia (NA).

I dettagli su ArezzoNotizie

Alla guida c’era un 45enne di quella città a cui i poliziotti hanno chiesto di aprire il vano di carico, che era pieno di alimenti tra mozzarelle, caciocavalli, altri latticini, tipici biscotti stabiesi e una cesta colma di palatoni di pane, privi delle etichettature che ne indicano il produttore, il peso e altro.

AREZZO - In A1 con mozzarelle e pane conservati male sequestrati dalla Polstrada. Arrestato pure un giovane con i documenti falsi. FOTO 2-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All’interno del mezzo la refrigerazione era guasta e le condizioni di trasporto di quegli alimenti non era corretta. La Polstrada ha condotto il furgone e il suo conducente in caserma. Lì i sanitari dell’ASL di Arezzo hanno accertato che la temperatura nel vano di carico era di 16 gradi, mentre per i prodotti freschi come i latticini il trasporto va effettuato con una temperatura ambientale che va tra 0 e 4 gradi. Pertanto, tutto il carico è stato avviato al macero e gli investigatori hanno anche sequestrato il furgone al conducente, che dovrà pagare una multa di circa 4.000 euro per quel trasporto irregolare. Le indagini proseguono per scoprire a quali esercenti fosse diretto il cibo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

  • Igiene orale e difese immunitarie: qual è la connessione?

  • Coronavirus, il bel gesto del portiere napoletano Sepe: non chiede gli affitti ai suoi inquilini

Torna su
NapoliToday è in caricamento