rotate-mobile
Cronaca Bagnoli / Via Bagnoli

Bagnoli, attesa oggi la sentenza sulla mancata bonifica dell'Italsider

I cittadini bagnolesi e gli attivisti si danno appuntamento all'esterno del Tribunale per conoscere le eventuali condanne di primo grado. Intanto scrivono: "Vi abbiamo condannato già anni fa e avevamo ragione"

Undici anni dopo, potrebbe arrivare oggi una prima verità processuale sulle mancate bonifiche dell'area ex Italsider di Bagnoli. Il processo istruito nel 2007 e affidato al pm Stefania Buda prevede per oggi 5 febbraio le sentenze e le eventuali condanne nel primo grado di giudizio. Dal 2013 l'area è sotto sequestro, e il Governo Renzi ha promesso la svolta entro l'anno per quanto riguarda le bonifiche. Nonostante i 76 milioni arrivati dai precedenti governi nazionali, l'area non è mai stata bonificata: i reati ipotizzati sono truffa ai danni dello stato, disastro ambientale, falso. Le richieste: otto anni per Gianfranco Caligiuri, ex direttore tecnico di BagnoliFutura, 4 anni e mezzo per l'ex direttore generale Mario Hubler, 5 anni e mezzo per l'ex vicesindaco di Napoli Sabatino Santangelo. Imputati, fra gli altri, anche l'ex direttore del Ministero dell'Ambiente Gianfranco Mascazzini, l'ex direttrice generale  generale del centro campano tecnologia e ambiente Maria Palumbo, l'ex dirigente area ambiente della Provincia Maria Teresa Celano. 


Intanto oggi l'assise di 'Bagnoli libera', composta da cittadini e attivisti, si è data appuntamento all'esterno del Tribunale, in piazzale Cenni, per attendere la sentenza. "È necessario esser presenti, come e più di prima, perché la nuova fase sta per subire un’accelerazione: bonifiche sotto controllo popolare", scrivono. "Vi abbiamo gia condannato anni fa ed avevamo ragione". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bagnoli, attesa oggi la sentenza sulla mancata bonifica dell'Italsider

NapoliToday è in caricamento