Sea Watch, la proposta di uno skipper diventa virale: "Andiamo a prenderli in barca a vela"

Un velista di Procida ha raccolto le adesioni di altri colleghi e ha formalizzato la richiesta al sindaco di Napoli

Migranti trasportati nel porto di Napoli con le barche a vela: è la proposta di Antonio Scotto Di Perta, 44enne manager di una società di charter che sulla sua pagina facebook ha proposto questa idea raccogliendo anche diversi apprezzamenti. “Ho quindici barche a vela a disposizione, pronte a salpare da Procida subito”. E’ fermo nel suo proposito tanto da aver anche lanciato un appello per cercare skipper disponibili: “ho avuto risposte da tutta Italia” spiega con orgoglio.

L’idea è di condurre i migranti che sono a bordo della Sea Watch 3 – ferma da giorni nelle acque territoriali maltesi in attesa di ricevere il permesso di attraccare in un porto - verso la città di Napoli che ha dato la disponibilità ad ormeggiare attraverso il sindaco de Magistris. Scotto Di Perta ha formalizzato la sua proposta al Comune alimentando in questo modo inconsapevolmente il dibattito acceso tra il sindaco ed il ministro Salvini. Non sarebbero però motivazioni politiche ad aver spinto il 44enne, quanto piuttosto la necessità di trarre in salvo i migranti

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Si' propeto 'na céuza" vuol dire che...

  • Sabbia in casa: come liberarsene

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

I più letti della settimana

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Rissa nel Vasto, "grida disumane". Un quarantenne finisce in ospedale

  • Amichevole in famiglia in casa Juve, cori contro i napoletani: Sarri fa finta di nulla

  • Via libera al più grande centro commerciale del Sud: ecco il Maximall Pompeii

  • Tony Colombo, attacco da Borrelli: "Senza casco e sul marciapiede, esempio di inciviltà"

  • Tragedia in Kenya: napoletano muore durante il viaggio di nozze

Torna su
NapoliToday è in caricamento