rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca

Il Tar boccia il ricorso contro l'ordinanza regionale: le scuole restano chiuse

Arriva una seconda bocciatura per i ricorsi contro l'ordinanza della Regione Campania che sospende l'attività scolastica in presenza

Con due decreti di oggi (n. 2153/2020 e  n. 2161/2020), il TAR Campania ha respinto i ricorsi  proposti da altrettanti gruppi di genitori contro l'Ordinanza regionale n.90/2020, con la quale è stata programmata a partire dal 24 novembre prossimo  la graduale ripresa delle attività didattiche in presenza nelle scuole della Campania, previo screening sul personale docente e non docente e sui bambini e relativi familiari. Il Tribunale ha affermato la legittimità dell'Ordinanza  impugnata, tenuto conto che la stessa - si legge in un comunicato regionale - "intende corrispondere proprio alle esigenze manifestate dai genitori, anche nell’interesse dei figli minori, di rapida ripresa delle attività “in presenza” ed individua, allo scopo, un percorso necessariamente caratterizzato da gradualità e prudenza". 

Dal 24 novembre riapriranno alcune scuole

La riapertura

"Le attività in presenza dei servizi dell’infanzia e delle prime classi della scuola primaria riprenderanno dal 24 novembre, previa effettuazione di screening su base volontaria sul personale docente e non docente e sugli alunni . Per gli ordini e gradi scolastici diversi, l’Unità di crisi regionale all’unanimità ha ritenuto di dover confermare la didattica a distanza". Con questa nota l'Unità di Crisi della Regione Campania aveva già comunicato che, da martedì 24 novembre, alcune classi riapriranno. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Tar boccia il ricorso contro l'ordinanza regionale: le scuole restano chiuse

NapoliToday è in caricamento