rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca

De Luca: "Rinviare il rientro a scuola per tutti. Non si possono tenere a casa solo i non vaccinati"

Il presidente della Regione Campania propende per un rinvio del ritorno a scuola per fine gennaio

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, boccia l'ipotesi di tenere a casa - in vista del ritorno a scuola - i bambini non vaccinati. Per lui, come spiega in una nota, la stra percorribile al momento è solo una: rinviare il ritorno in classe, sviluppando ulteriromente la campagna vaccinale per la popolazione scolastica.

"In relazione alla riapertura delle scuole, sento circolare l’ipotesi di tenere a casa i bambini non vaccinati. Mi sembrerebbe una misura tanto odiosa e discriminatoria, quanto ingestibile. Credo che si debbano prendere misure semplici ed equilibrate, con l’obiettivo di aprire le scuole in presenza quanto prima e per sempre", ha detto De Luca.

"Nel quadro attuale di diffusione del contagio fra i giovanissimi - continua - mi parrebbe una misura equilibrata e di grande utilità il semplice rinvio del ritorno a scuola. Prendere 20/30 giorni di respiro, consentirebbe di raffreddare il picco di contagio – che avrà a gennaio probabilmente un’altra spinta – e di sviluppare, in questi giorni, la più vasta campagna di vaccinazione possibile per la popolazione studentesca. Non sarebbe di certo una misura ideale, ma consentirebbe di riprendere a breve le lezioni in presenza con maggiore serenità per gli alunni, per le famiglie, per il personale scolastico".

"Una dichiarazione di buon senso"

Tra le prime rezioni, alle parole di De Luca, c'è quella del sindaco di San Giuseppe Vesuaviano, Vincenzo Catapano. "Cari amici, questa la dichiarazione appena rilasciata dal Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. La ritengo una dichiarazione di buon senso, a cui noi ci adegueremo, mantenendo una linea di serietà, rigore e prevenzione, come fatto in passato.

L'obiettivo che ci unisce è quello di riaprire le scuole quanto prima e per sempre e, per fare ciò, con l'attuale elevatissimo indice di contagio, per cui in centinaia di famiglie della nostra città vi è almeno un cittadino positivo, occorre mettere prima in sicurezza i nostri bimbi, con una rapidissima campagna di vaccinazione.

Invito, per questo, ogni genitore che non lo avesse ancora fatto, a contattare subito il proprio pediatra di riferimento, anche in caso di dubbi o incertezze, e di procedere secondo le appropriate indicazioni mediche. Un'ultima considerazione, che sento di condividere con tutti voi: non bisogna affidarsi all'apparente senso di tranquillità di un tampone con esito negativo, né per tutti noi, né per i nostri figli.

La momentanea negatività, in caso di contagio, può, in poche ore, trasformarsi in positività. L'unica strada che protegge noi ed i nostri bambini dalle conseguenze più gravi del virus è e rimane il più grande dono della scienza: il vaccino."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Luca: "Rinviare il rientro a scuola per tutti. Non si possono tenere a casa solo i non vaccinati"

NapoliToday è in caricamento