menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Manifestazione antidiscarica a Chiaiano @V.Graniero

Manifestazione antidiscarica a Chiaiano @V.Graniero

Discarica di Chiaiano, Comune parte civile. Stop Biocidio: "Ora piano sanitario per il quartiere"

La Giunta de Magistris sarà parte civile nel processo per disastro ambientale. Per i comitati si tratta di "un atto importante" e ora chiedono "un piano adeguato di screening per la prevenzione dei tumori"

"La giunta comunale di Napoli ha approvato una delibera con cui ha deciso di costituirsi parte civile nel processo per associazione a delinquere e disastro ambientale contro i vertici della Ibi, della Edilcar ed alcuni esponenti del clan dei Casalesi in merito alla costruzione della discarica di Chiaiano. Un atto importante che raccoglie il sentimento di sdegno e rabbia di un territorio che ha saputo organizzarsi e lottare contro lo scempio della discarica di Cava del Poligono per diversi anni, fino ad ottenerne la chiusura definitiva". Lo dichiara, in una nota, la coalizione Stop Biocidio.

"La costituzione di parte civile - si legge ancora - rappresenta un valore aggiunto alle nostre mobilitazioni ed alla nostra pressione affinchè venga definito in maniera definitiva il disastro ambientale compiuto nella selva di Chiaiano ad opera di imprenditori e camorristi sotto l'egida dello Stato attraverso il commissariato straordinario all'emergenza rifiuti. Una stagione di cui ancora oggi paghiamo i danni, come dimostrano anche le recenti perizie effettuate nella ex discarica di Lo Uttaro a Caserta - aperta contestualmente a quella di Chiaiano - che hanno evidenziato la presenza di rifiuti radioattivi.

La discarica di Chiaiano fu aperta nel 2008 e chiusa nel 2011, a seguito di una lunga mobilitazione della Rete Commons e dei movimenti napoletani. A distanza di anni attendiamo l'avvio del processo. Di certo pero' la storia di quello che è avvenuto a Chiaiano non la scriveranno in tribunale, ma le responsabilità degli ecocriminali sono già palesi nella storia sociale della città di Napoli".

"Ma a Chiaiano - continuano gli attivisti - il biocidio produce ancora disastri. I dati dell'osservatorio oncologico del Comune di Napoli ci dicono che questo è il terzo quartiere per mortalità tumorali della città. Un quartiere costruito accanto al polmone verde del Parco delle Colline, senza fabbriche, senza attività invasive, ma dove il tumore metapleurico - tipico dell'inquinamento da amianto - fa registrare dei picchi drammatici. Per questo chiediamo all'amministrazione comunale di esercitare la stessa attenzione posta verso il processo per la costruzione della discarica, ai danni prodotti dal biocidio nel quartiere della periferia nord della città, facendo pressione verso la Regione Campania che sembra aver dimenticato, ormai da anni, i quartieri della città di Napoli colpiti da inquinamento ambientale. Il triste primato delle morti per tumore viene diviso dal quartiere di Chiaiano con quelli di Pianura e Bagnoli. Da tempo come coalizione Stop Biocidio chiediamo che ai dati diffusi dal Comune ormai quattro anni fa, faccia seguito un piano di prevenzione sanitaria e screening gratuito della popolazione, ma nè dal Comune di Napoli nè tantomeno dalla Regione Campania abbiamo mai avuto risposte".

"Così come avvenuto ad Acerra, sotto la spinta dei comitati locali, chiediamo - concludono i comitati della rete - che anche a Chiaiano venga predisposto un piano adeguato di screening per la prevenzione dei tumori, a cominciare da quelli al polmone, ed alle disfunzioni della tiroide. Siamo convinti che oltre a costituirsi come parte civile nei processi, le amministrazioni locali debbano impegnarsi per garantire la salute dei cittadini in maniera concreta ed efficace. Attendiamo dalla giunta De Magistris impegni in questa direzione, convinti che Caldoro sia ormai troppo impegnato ad elargire fondi a scopo elettorale per preoccuparsi di altro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid in Campania, il bollettino: più di 2mila positivi e 14 decessi

  • Cronaca

    Scavi di Pompei, emerge un carro cerimoniale perfettamente conservato

  • Attualità

    Galleria Vittoria, presidio del Pd: "Napoli deve tornare percorribile"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento