menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto Coisp / il segretario Raimondi con le sagome dei poliziotti pugnalati)

(foto Coisp / il segretario Raimondi con le sagome dei poliziotti pugnalati)

Scontri tra ultras in piazza Garibaldi, il primo bilancio è di cinque poliziotti feriti

Lo rende noto il Coordinamento sindacale Coisp. Il segretario generale provinciale Raimondi provocatorio: "Siano Napoli Calcio e Hellas Verona a pagare i danni. Siamo stanchi, non sacrificheremo nessuno"

Gli scontri tra ultras del Napoli e del Verona che vi abbiamo documentato hanno il loro primo bilancio. Lo rende noto il Coordinamento per l'indipendenza sindacale delle forze di Polizia, Coisp, che spiega in un comunicato: "Circa 150 tifosi partenopei hanno assalito selvaggiamente e senza alcuna esitazione o scrupolo un contingente di circa 10 unità del Reparto Mobile dei quali almeno cinque sono rimasti feriti". Il Coisp chiede, attraverso il segretario generale provinciale Giuseppe Raimondi, che siano la Società Sportiva Calcio Napoli e l'Hellas Verona a pagare i danni causati dai tifosi.  


Questo è il triste tributo da pagare per una gara calcistica”, spiega Raimondi. "Esprimo solidarietà ai colleghi feriti. Siamo stanchi di essere bersaglio di questi tifosi, veri e propri criminali. L'Osservatorio sulle manifestazioni sportive adotti severi provvedimenti contro questi pseudo tifosi sanguinari e indegni. Sostenere una squadra di calcio non può essere alibi per questi banditi. Non siamo più disposti a sacrificare nessuno dei nostri uomini, non vogliamo subire l'inerzia dei governi come l'ultimo targato Gentiloni che pesa la vita di un poliziotto con un aumento di 40 euro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento