menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scontri a Napoli, la Prefettura: "Presenti componenti estranee alla protesta, azioni violente preordinate"

Nel pomeriggio di sabato si è svolta, presso la Prefettura di Napoli, una riunione del Comitato Provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduta dal Prefetto Marco Valentini

Nel pomeriggio di sabato si è svolta, presso la Prefettura di Napoli, una riunione del Comitato Provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduta dal Prefetto Marco Valentini, alla presenza del Sindaco di Napoli e della Città Metropolitana, del Vice Presidente e dell'Assessore alle Politiche della Sicurezza della Regione Campania, del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Napoli e dei vertici delle Forze dell'ordine.

Nel corso dell'incontro, sono stati oggetto di approfondita analisi gli eventi verificatisi nella serata e nella notte tra venerdì e sabato a Napoli, quando una manifestazione di protesta, inizialmente pacifica, è degenerata in atti di violenza organizzati contro le Forze dell'ordine - che hanno coinvolto anche rappresentanti degli organi di informazione - nonché in danneggiamenti dell'arredo urbano e dei mezzi di servizio. Su tali fatti la Procura della Repubblica di Napoli ha già avviato le indagini di propria competenza.

Al riguardo - si legge in una nota della Prefettura partenopea - sono emersi elementi circa la presenza nella manifestazione di componenti estranee alle ragioni della protesta, attive in azioni violente preordinate.

Il Prefetto Valentini ha espresso la propria solidarietà e il proprio fattivo sostegno a tutte le Forze dell'ordine intervenute nella circostanza, manifestando in particolare il proprio apprezzamento per l'impegno e la professionalità dimostrata a fronte di violente e ripetute aggressioni che hanno determinato il ferimento di alcuni operatori di polizia.

E' stato disposto un ulteriore rafforzamento dei dispositivi di prevenzione e controllo del territorio, per far fronte alle criticità connesse alla situazione in atto e garantire le manifestazioni di dissenso - anche quando motivate da comprensibili ragioni di disagio economico o sociale - alle infiltrazioni di elementi violenti, per assicurare il rispetto dell'ordine pubblico e delle prescrizioni dettate dalla normativa statale, regionale e locale per il contrasto all'emergenza epidemiologica da Covid-19.

Il Ministro Lamorgese: "Inaccettabili attivi di violenza organizzati"

"Sono inaccettabili e da condannare con la massima fermezza gli atti di violenza organizzati come quelli accaduti ieri sera a Napoli, sui quali la Procura sta già indagando". E' quanto dichiarato dal Ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, a proposito degli episodi violenti di protesta accaduti a Napoli.

"Esprimo la solidarietà e la vicinanza agli appartenenti alle Forze dell'ordine, alla polizia locale e ai militari che sono stati aggrediti e in alcuni casi sono rimasti feriti nelle strade del capoluogo partenopeo durante veri e propri episodi di guerriglia urbana. Le Forze di polizia - che ringrazio per la dedizione, la professionalità e l'equilibrio con cui stanno svolgendo funzioni molto delicate - hanno dovuto fronteggiare attacchi preordinati che hanno colpito anche alcuni giornalisti impegnati nel difficile e doveroso compito di assicurare la libera informazione ai cittadini".

"Ci tengo a ribadire che simili aggressioni nulla hanno a che fare con le forme di dissenso civile e con le legittime preoccupazioni degli imprenditori e dei lavoratori legate alla difficile situazione economica", ha concluso il Ministro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione giovedì 21 gennaio 2021

social

Lotto, estrazione martedì 19 gennaio 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento