Scontri prima di Inter-Napoli, il Questore di Milano: "Poteva essere una strage"

Marcello Cardona, Questore di Milano, alla Gazzetta dello Sport: "Per prevenire non basta mettere un poliziotto ad ogni angolo. Bisogna applicare sanzioni serie, chiudere gli stadi"

La soluzione per evitare incidenti e scontri fuori gli stadi, come quelli organizzati mercoledì sera a Milano dagli ultras dell'Inter, "di sicuro non è mettere un poliziotto a ogni incrocio, per dirla con il linguaggio del senso comune. La verità è che la sera di Inter-Napoli abbiamo evitato una strage grazie al tempestivo intervento degli agenti, abbiamo evitato che le cose peggiorassero in modo drastico grazie alla nostra organizzazione. Sarebbe stato troppo rischioso fermare la partita. Il 99,9% dei tifosi è gente perbene, che va allo stadio per godersi la partita con i figli, gli amici. E anche l'azienda calcio va tutelata perché dà lavoro a molte persone e appassiona milioni di persone. L'esasperazione del tifo è un fenomeno negativo, ma si può combattere con le indagini e le sanzioni. Sanzioni serie ovviamente". Lo dice in un'intervista a La Gazzetta dello Sport il questore di Milano (ed ex arbitro di Serie A e B nei primi anni '90) Marcello Cardona.

Per Cardona l'intransigenza è il primo strumento, "ma non è l'intransigenza di Cardona. Questa linea è concertata con il Capo della Polizia, il prefetto Franco Gabrielli, con il capo della Procura della Repubblica di Milano, il dottor Francesco Greco, ed è la stessa dell'Arma dei Carabinieri. Parte da Milano e può coinvolgere tutta l'Italia. Intransigenza vuol dire applicare i decreti che ci sono, per esempio il n. 119 del 22 agosto 2014 sulla chiusura dei settori ospiti. Siamo tutti impegnati in questa operazione. L'intransigenza istituzionale, dovuta e voluta. E' l'intransigenza della gente che pretende il rispetto delle leggi. A San Siro, lo ripeto, poteva succedere di tutto dopo quella partita; e poteva succedere dappertutto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La giustizia sportiva può e deve fare la sua parte in maniera consistente. Le istituzioni sportive applichino le sanzioni, che in buona parte già esistono, e le applichino in maniera più severa. Chiudere un settore, applicare le 'porte chiuse', può essere doloroso ma può aiutare a contrastare i comportamenti violenti, per esempio le aggressioni agli arbitri in campo o negli spogliatoi, per restare a episodi recenti. Ma lo sport certo che deve fare la sua parte". Sulle indagini in corso sulla rissa in Via Novara, il questore conferma "9 indagati e 3 arresti", mentre chi ha investito la vittima "un aspetto da approfondire, stiamo studiando diverse ipotesi. Potrebbe essere che a investire il tifoso sia stata una persona estranea agli incidenti, che passava casualmente. Visto il caos, ha pensato solo ad allontanarsi, perché magari viaggiava con bambini, per fare un esempio. E magari non si è reso neanche conto di aver investito qualcuno". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse, divieti e limitazioni per feste e cerimonie: tutte le decisioni di De Luca

  • Boom di contagi in Campania, nuova ordinanza di De Luca: scuole chiuse e restrizioni sociali

  • Orrore in ospedale, per una sigaretta aggredisce un uomo e gli cava gli occhi

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy: ecco dove acquistarle scontate

  • Dieta alcalina: come perdere peso e migliorare la salute in 7 giorni

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento