menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scavi Ercolano, arrivano gli ispettori Unesco per un sopralluogo

Ad accogliere i due archeologi francesi Alix Barbet e Jean-Pierre Adam, la direttrice del sito Maria Paola Guidobaldi. "Cercheremo di mostrare tutti i lavori di restauro, poi vedremo in base anche alle loro sollecitazioni"

Gli ispettori dell'Unesco, da ieri impegnati in un sopralluogo agli scavi di Pompei, sono oggi al sito archeologico di Ercolano. Ad accogliere i due archeologi francesi Alix Barbet esperta di pratiche decorative dell'epoca romana e direttore del centro di ricerca del Cnrs, e Jean-Pierre Adam, la direttrice del sito di Ercolano, Maria Paola Guidobaldi. "In assoluto direi che nell'anno in cui Pompei ed Ercolano son state dichiarate Patrimonio dell'Umanità, nel 1997, a prescindere da singoli episodi come dissesti e crolli che possono essere fisiologici in una quantità di patrimonio sterminata, il panorama generale degli Scavi era molto peggiore".

Prima di allora, sottolinea la Guidobaldi, "Ercolano era sull'orlo del collasso, praticamente un campo di rovine e quindi credo sia tangibile e visibile il miglioramento generale. E questo vale anche per Pompei dove tutto il programma di manutenzione del verde è partito da metà anni Novanta in poi e ha riportato in luce le mura".

Fondamentale sul sito pompeiano il controllo della vegetazione. "È stato un investimento davvero capitale e comunque una serie di altri interventi diffusi rendono nel complesso il quadro di Pompei, al di là dei singoli episodi che si son manifestati, nettamente superiore a quello del 1997. Bisogna lavorare sul come rendere efficace la macchina tenendo conto dei problemi oggettivi che ci sono".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento