Sbarco migranti a Nerano, chiedono il trasferimento in Inghilterra: la solidarietà dei residenti

Sono 14 uomini e due donne provenienti da Iraq e Iran. L'ultimo sbarco a Massa Lubrense di migranti è avvenuto 20 anni fa

Indagini in corso sullo sbarco di 16, tra iraniani ed iracheni (14 uomini e 2 donne), avvenuto ieri sera in località Marina del Cantone, a Nerano (Massa Lubrense). I migranti, che alloggiano momentaneamente nella sala comunale, chiedono di andare in Inghilterra dove hanno loro congiunti. 

La ricostruzione del sindaco: "Siamo fuori rotta. Non mi spiego come sia accaduto" 

"Sono intervenuti ieri sera i Carabinieri che li hanno fermati per identificarli. Sul posto sono giunti gli uomini della Polizia Municipale, della Polizia di Stato e la Capitaneria di Porto che ha avviato le ricerche in mare dell’imbarcazione o delle imbarcazioni che hanno portato queste persone. I 16 giovani arrivati nel centro di Nerano sono stati sottoposti a misurazione della temperatura corporea e sono stati rifocillati dagli abitanti del posto che con grande spirito umanitario hanno pensato a loro. Un gesto di cui li ringrazio di cuore. In un primo momento ci era stato chiesto un mezzo di trasporto per accompagnarli in un centro di identificazione. Messo a disposizione il mezzo, le procedure si sono rilevate più complesse, a causa dell’emergenza Covid, ed abbiamo dovuto sistemare per la notte queste persone presso la Sala delle Sirene. La Protezione Civile Comunale, con i suoi volontari, ha allestito in poco tempo i posti letto con brandine, lenzuola e coperte. I Servizi Sociali hanno assicurato generi di conforto e materiale per l’igiene personale. Prima della sistemazione l’ASL Napoli 3Sud, intervenuta con un'ambulanza, ha fatto una visita medica ad ognuno. Stamattina saranno sottoposti a tampone dopodiché saranno trasferiti per l’identificazione e l’accoglienza in un centro. Ringrazio di cuore quanti sono intervenuti a tutti i livelli in questa pagina inconsueta per noi. Non siamo abituati a queste situazioni non essendo una zona di “sbarchi”. Siamo decisamente “fuori rotta” e non mi spiego come sia potuto accadere. Oggi mi sento di dire come sindaco che tutti hanno fatto la loro parte: i cittadini di Nerano, la struttura comunale, le Forze dell’Ordine, la Protezione Civile e l’ASL. Di questo grande senso di responsabilità sono grato a nome mio e di tutta l’Amministrazione Comunale", spiega in una nota Lorenzo Balducelli, sindaco di Massa Lubrense.

Solidarietà

Ieri sera Rosa Esposito, titolare di Olga's, una salmeria di Nerano, ha aperto il negozio per dare del cibo ai migranti stremati dal lungo viaggio. "Ho indossato i guanti, la mascherina e con l'aiuto delle forze dell'ordine ho distribuito acqua e pacchi di biscotti. Io sono mamma e nonna, potevano essere miei figli".

Meta inusuale

La penisola sorrentina non è mai stata meta di sbarco profughi ad eccezione, come ricordano i residenti, di un precedente arrivo sempre a Massa Lubrense di un gruppo di immigrati del Bangladesh nel lontano 2000.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento