Cronaca Via Regina Margherita

Santo Amato ucciso per un'eredità contesa: fermato il cognato

Saverio Tufano bloccato a Casoria dai carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna insieme ai militari della Compagnia di Casoria. L'omicidio in via Regina Margherita ad Afragola

Carabinieri

Ad uccidere Santo Amato, il cinquantenne trovato cadavere domenica mattina in un'auto parcheggiata in via Regina Margherita ad Afragola con segni di pallottole all' addome e al torace, sarebbe stato il cognato Saverio Tufano. Un'eredità contesa il movente alla base del gesto. L'uomo è stato bloccato a Casoria dai carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna insieme ai militari della Compagnia di Casoria. Nei suoi confronti è stato emesso un fermo per omicidio e porto illegale d'arma da sparo.


LA RICOSTRUZIONE DEGLI INQUIRENTI - Il cognato, al culmine dell'ennesima lite sulla destinazione di un immobile ricevuto in eredità dalla moglie della vittima, avrebbe sparato cinque colpi di pistola calibro 38 contro il cognato, uccidendolo mentre era seduto al posto di guida della sua auto. L'uomo, informa in una nota il procuratore aggiunto di Napoli Giovanni Melillo, dopo il fermo ha ammesso le proprie responsabilità con il pm di turno. I militari dell'Arma hanno perquisito la sua abitazione trovando una pistola a tamburo calibro 38 regolarmente detenuta con 5 cartucce esplose, verosimilmente utilizzata per l'omicidio. L'arma è stata sequestrata e sarà sottoposta ad accertamenti tecnico-balistici mentre l'uomo Saverio Tufano è stato rinchiuso nel carcere di Poggioreale. (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santo Amato ucciso per un'eredità contesa: fermato il cognato

NapoliToday è in caricamento