menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sandro Ruotolo

Sandro Ruotolo

Smaltimento illecito di rifiuti tossici, Sandro Ruotolo: "Bisogna tracciare gli scarti industriali"

"Giusto. Tracciare i prodotti campani per il cibo sicuro. Ma perchè non tracciamo pure gli scarti industriali per prevenire lo smaltimento illecito dei rifiuti tossici e speciali? Perchè non facciamo una vera lotta all'evasione fiscale?"

Sandro Ruotolo torna a parlare della Terra dei Fuochi, di rifiuti tossici, di scarti industriali non tracciati e di evasione fiscale. Tutti argomenti correlati, tessere di un mosaico che va smantellato pezzo per pezzo per poter davvero mettere la parola fine allo scempio.

"Giusto. Tracciare i prodotti campani per il cibo sicuro - scrive il giornalista su facebook -. Ma perchè non tracciamo pure gli scarti industriali per prevenire lo smaltimento illecito dei rifiuti tossici e speciali? Perchè non facciamo una vera lotta all'evasione fiscale? Lo sapete che ogni anno in Italia produciamo circa 140 milioni di tonnellate di rifiuti industriali? Lo sapete che, secondo la guardia di finanza, il 30 per cento delle attività produttive è in regime di evasione fiscale? Provate a fare un calcolo di quante tonnellate di rifiuti vengono smaltite illecitamente ogni anno".

Il noto giornalista, lo ricordiamo, è finito sotto scorta lo scorso maggio per le minacce di morte arrivate dal boss del clan dei Casalesi, Michele Zagaria, che, intercettato in carcere, ha detto: ”‘O vogl’ squartat’ vivo”. All’origine delle minacce, un reportage di Servizio Pubblico sulla Terra dei Fuochi, recentemente andato in onda su La7, che conteneva un'intervista di Ruotolo a Carmine Schiavone. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Villa mozzafiato in vendita a Marechiaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento