menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(De Cristofaro)

(De Cristofaro)

Matteo Salvini al Teatro Augusteo: tensione nel cuore della città

Funicolare Centrale chiusa, numerose camionette e agenti di polizia, tensione tra collettivi e forze dell'ordine. "De Luca sarebbe simpatico al bar, ma è pessimo Governatore", dice l'ex ministro

Momenti di tensione in via Toledo e in piazzetta Augusteo, nel cuore di Napoli, dove è arrivato il leader della Lega Matteo Salvini per un comizio al Teatro Augusteo su "lavoro e sicurezza".

Il video

Faccia a faccia tra collettivi di sinistra e forze dell'ordine. Nessuno scontro finora, ma solo tensione nella cornice più turistica della città. Numerosi i visitatori stranieri che assistono attoniti alla scena. 

Alcuni cittadini, riporta l'Ansa, hanno protestato per la chiusura della funicolare Centrale - il cui ingresso è posto a pochi metri dal Teatro. Chiusra disposta dal Questore per motivi di ordine pubblico. I militanti della Lega hanno risposto al cittadino, ne è nato un dibattito cessato solo con l'intervento delle forze dell'ordine. Circondano la piazza decine camionette e centinaia di poliziotti e carabinieri. A terra è stato collocato uno striscione con l'immagine del volto del leader della Lega e lo slogan "Napoli non dimentica".

Salvini: "Mandiamo a casa De Luca"

Il comizio

"De Luca è simpatico, quando fa le battute però. Peccato che sia il Governatore, sarebbe bello trovarlo al bar, non a gestire gli ospedali". Così Matteo Salvini durante il comizio all'interno del Teatro Augusteo. "Noi non promettiamo miracoli, ma a Napoli non abbiamo mai amministrato un condominio, come fanno a essere colpa mia i problemi di Napoli?". L'ex Ministro si è poi augurato "che il processo Open Arms non cominci neanche. Non ho paura dei processi, Male non fare paura non avere. Ma con voi militanti al mio fianco non uno, ma venti processi affronterei". 

Arrivano anche le Sardine

"Napoli soffre di un de Magistris assolutamente inadeguato con cantieri bloccati da anni e di un De Luca che ha portato la sanità campana a essere l'ultima in Italia, secondo i dati del Sole 24 ore", ha spiegato Salvini annunciando il comizio. Il leader della Lega ha incontrato alcuni imprenditori prima del comizio all'Augusteo. Fra questi Maurizio Marinelli, imprenditore noto per le sue cravatte. In seguito Salvini ha visitato la palestra di Gianni Maddaloni a Scamia. Il maestro di judo aveva rilasciato in passato dichiarazioni favorevoli all'ex Ministro dell'Interno. Domani mercoledì 19 febbraio Salvini sarà a Bagnoli. 

Le Sardine

In piazza Dante, dalle 19:30, sono poi arrivate le Sardine, in opposizione al Leader della Lega. Circa 300 le persone arrivate in piazza per il flash mob. Via Toledo blindata per evitare ogni contatto tra diversi schieramenti politici.

"Salvini ci ha insultato per anni, voleva con il suo partito dividere l'Italia e abbandonare il Sud a se stesso, diceva che eravamo un peso per lo sviluppo del Paese, oggi viene qui a chiedere i nostri voti. Conosciamo bene le sue intenzioni e conosciamo altrettanto bene il suo pensiero, quello che ha dispensato odio in questo paese mettendo, coloro che sono in fondo alla scala sociale, gli uni contro gli altri per distogliere l'attenzione dai problemi reali che abbiamo di fronte. Noi ci opporremo al suo avanzamento politico nelle nostre terre", spiegano gli organizzatori che puntano l'indice anche contro il Governo: "Il Mezzogiorno è sofferente, i giovani sono obbligati ad abbandonarlo per trovare un lavoro dignitoso, dopo aver studiato con i sacrifici fatti dalle loro famiglie sono costretti a portare altrove le competenze acquisite, questo sta determinando un gigantesco impoverimento sociale. Migliaia di posti di lavoro sono stati persi e altrettanti sono in pericolo, saremo con lavoratori delle tante vertenze in corso per dargli voce e con loro chiedere al governo un serio intervento con provvedimenti che riportino il lavoro, i diritti e il Mezzogiorno al centro dell'agenda politica".

In Piazza Dante con le Sardine ci saranno: Carlo De Rosa, Mujeres Creando, Tartaglia & Aneuro, Fabiana Martone, Banda Popolare, Jen's Groove, il Progetto "Essenze", Carlo Faiello, Lucariello Dario Sansone dei Foja col Maestro Luigi Scialdone. Previsti anche gli interventi di Padre Alex Zanotelli, degli attori Angelo Di Gennaro e Maria Bolignano. Presenti anche i rappresentanti sindacali di Whirlpool, Riders per Napoli, Tirrenia, Novolegno, Lav Apu, Pubblica Utilità, Almaviva, Genetic Fisciano, Comdata, Disoccupati 7 novembre, ex Auchan, Jabil, Indotto Whirlpool e i rappresentanti dei migranti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Vitamina E, Covid e sesso. Cosa sapere

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento