Malore al matrimonio: colpa della salmonella

Le oltre cento persone invitate ai ricevimenti del ristorante di Trecase sono state intossicate dal batterio presente negli alimenti

L'esito delle indagini interne dell'Asl Na 3 ha fatto emergere la prima verità riguardo i pasti che hanno intossicato gli ospiti del ristorante di Trecase due settimane fa. I malori che hanno colpito oltre cento persone in due diverse cerimonie erano dovuti alla salmonella. Il batterio avrebbe provocato la serie di intossicazioni che ha costretto in ospedale i parenti e i festeggiati ospiti del ristorante ai piedi del Vesuvio. È questa l'ipotesi formulata dall'Asl e dai carabinieri del Nas che hanno eseguito gli accertamenti su tutti gli alimenti serviti quel giorno nel ristorante di via Cifelli.

Secondo gli esperti era proprio quella l'ipotesi più accreditata e le analisi l'hanno confortata. Bisognerà stabilire quanto di ciò che è accaduto sia di responsabilità del ristorante o se bisognerà risalire ai fornitori a cui si sono affidati. Di certo i clienti di quella giornata hanno subito un danno di cui hanno chiesto già conto al noto esercizio commerciale che tramite il suo avvocato si è da subito difeso facendo valere i decenni di attività senza mai essere incappato in situazioni del genere. La parola adesso passerà all'autorità giudiziaria chiamata a stabilire eventuali responsabilità e risarcimento dei danni.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento