Cronaca

Rubò le armi al nonno: 20enne in manette

Un fucile semiautomatico Bernardelli, un fucile automatico Breda e un fucile doppietta Neumann vennero nascosti dal giovane in un terreno

 Gli agenti del commissariato di Giugliano hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della locale procura nei confronti di un 20enne di Giugliano, in quanto  gravemente indiziato del reato di detenzione e sottrazione di armi e perché illegalmente portava in luogo pubblico le stesse.

I fatti risalgono a fine maggio scorso, quando il nonno denunciò la scomparsa delle proprie armi, legalmente detenute e custodite nella propria abitazione: un fucile semiautomatico Bernardelli, un fucile automatico Breda e un fucile doppietta Neumann, tutti calibro 12. Nell’immediatezza delle indagini eseguite dagli agenti non erano emersi segni di alcuna effrazione, concentrando i dubbi sul nipote 20enne, unico ad avere le chiavi dei locali dove erano custodite le armi e già sottoposto alla misura del collocamento in comunità.

In seguito i poliziotti hanno accertato che era stato proprio il giovane  a rubare le armi e di averle successivamente sotterrate in un terreno di oltre 40mila metri quadrati sempre di proprietà del nonno. Il giovane è stato arrestato e condotto presso la casa circondariale di Poggioreale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubò le armi al nonno: 20enne in manette

NapoliToday è in caricamento