menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inceneritore Napoli est, la Iervolino risponde alle polemiche

Per il sindaco "è un impegno previsto dalla legge e io non sarò mai una persona che incita a non rispettare le norme". Il coordinatore regionale di Sinistra, ecologia e libertà De Cristofaro chiede un impianto di compostaggio

Il sindaco Rosa Russo Iervolino si è espressa nelle scorse ore in merito all'inceneritore previsto nella zona est di Napoli. "Un impegno previsto dalla legge e io non sarò mai una persona che incita a non rispettare le norme".

La Iervolino ha così risposto al coordinatore regionale di Sinistra, ecologia e libertà, Giuseppe De Cristofaro, che ha ribadito durante il primo congresso provinciale del partito il suo no convinto all'inceneritore. Per lui, meglio orientarsi verso l'impianto di compostaggio.

La Iervolino ha però sottolineato: "Dobbiamo riuscire a fare un discorso di funzionalità e garanzie reali. Ho sentito anche qualche vescovo che dice che queste attrezzature sono contro la natura, e i rifiuti dove li mettiamo?".

Secondo il sindaco, il punto non è realizzare o meno gli inceneritori o le discariche. Semmai costruirli per bene e non in mezzo ai paesi, Terzigno in pirmis. "La Campania è tanto grande - ha sottolineato la Iervolino - io ritengo che la legge sulla provincializzazione sia completamente senza capo né coda. In provincia abbiamo una densità abitativa enorme. Non è vogliamo scaricare la questione sulle altre province, ma facciamo un rapporto territorio-popolazione e vediamo dove può dare meno fastidio". Perché non arrivare agli strumenti di trattamento ed eliminazione dei rifiuti significa "scegliere, con la disperazione, le soluzioni peggiori".

L'autunno caldo dei rifiuti in Campania

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento