Cronaca

Scomparsa di Rosa, tavolo operativo al Comune. Il padre: "Il suo rapitore ha contatti qui"

Presenti i genitori della giovane, il sindaco della cittadina Aurelio Russo, comunità parrocchiali, associazioni di volontariato, rappresentanti della comunità islamica presente sul territorio e il responsabile per l’immigrazione presso la Caritas diocesana di Aversa

Rosa Di Domenico

Al Comune di Sant'Antimo si è tenuto stamane un vertice operativo sulle ricerche di Rosa Di Domenico, la 15enne di cui non si hanno notizie dallo scorso 25 maggio.

Presenti i genitori della giovane, il sindaco della cittadina Aurelio Russo, comunità parrocchiali, associazioni di volontariato, rappresentanti della comunità islamica presente sul territorio e il responsabile per l’immigrazione presso la Caritas diocesana di Aversa.
"La comunità vuole e deve mobilitarsi – spiega il sindaco – non si può restare inermi di fronte al dramma che sta vivendo la famiglia di Rosa".

Il padre della ragazza ha sottolineato che il 28enne pakistano che si sospetta possa averla fatta allontanare da casa o l'abbia portata via, fino a pochi mesi fa residente a Brescia, abbia dei contatti a Sant'Antimo. "Quando Rosa usciva con le amiche – racconta ai presenti Luigi Di Domenico – lui le telefonava per criticare il modo in cui era vestita. Lui sapeva, qualcuno a Sant'Antimo lo informava". "Chiediamo aiuto alla locale comunità del Pakistan, del Bangladesh, alle altre. Non ci interessa chi siano questi suoi contatti, vogliamo solo che Rosa torni a casa".

Dalla madre poi una nuova pesante accusa al 28enne: "Lui ha abusato di nostra figlia, ha abusato di una minorenne".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scomparsa di Rosa, tavolo operativo al Comune. Il padre: "Il suo rapitore ha contatti qui"

NapoliToday è in caricamento