menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La querela del Coordinamento Comitato Fuochi

La querela del Coordinamento Comitato Fuochi

Roghi tossici: la cittadinanza querela Regione, Province e Comuni

Sarà depositata a settembre una denuncia redatta dal Coordinamento Comitati Fuochi contro tutti gli amministratori che in questi anni non hanno risolto la piaga. Intanto va avanti la campagna adesioni

La piaga dei roghi tossici tra Napoli e Caserta non smette di esasperare i cittadini delle aree colpite, che questa volta si organizzano per sporgere regolare denuncia contro tutti quegli amministratori ritenuti colpevoli di non aver saputo o voluto agire nel corso degli anni per contrastare in modo convincente il fenomeno: dal Presidente della Regione a quelli delle Province di Napoli e Caserta fino a tutti i sindaci e gli assessori competenti dei Comuni interessati.

La querela parte dal Coordinamento Comitat Fuochi, ma sta raccogliendo sempre maggiori adesioni da parte di molti gruppi di cittadinanza attiva diffusi sui territori interessati, oltre che dai semplici cittadini. Il documento, come specifica il coordinamento, verrà depositato a settembre al termine della raccolta firme di tutti gli aderenti.

Non è la prima volta che si tenta di adire le vie legali e nemmeno l'impegno preso dal Ministro dell'Ambiente Clini serve a tranquillizzare i cittadini ormai stremati da una situazione che ha devastato un intero territorio. Quello che non convince i gruppi nati a difesa del territorio è la ricetta "differenziata" per risolvere il problema roghi, che per la maggior parte, non dipendono da rifiuti solidi urbani (differenziabili), ma dagli sversamenti illegali di rifiuti industriali o comunque molto pericolosi come pneumatici e amianto.

Le accuse: mancata tutela della salute come “diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività”, delitti colposi contro la salute pubblica, rifiuto di atti d'ufficio e violazioni in merito alle misure straordinarie per fronteggiare l’emergenza rifiuti, in materia di igiene e sanità pubblica.

Si legge nella querela redatta dall'avv. Ambrogio Vallo per conto del Coordinamento e dei cittadini sottoscrittori: "roghi continui, a tutte le ore del giorno e della notte (sempre denunciati alle autorità competenti e nelle ultime settimane costantemente evidenziati da stampa e tv nazionali, (cfr rassegna stampa allegata), rendono l’aria irrespirabile, costringendo i cittadini a barricarsi nelle proprie case. Fenomeno che ha inciso e incide, sulle abitudini di vita dei residenti condizionandone pesantemente l’esistenza nonché, e soprattutto, minandone la salute. Situazione che reiterata nel corso degli anni in maniera sistematica e costante, ha senza ombra di dubbio configurato la fattispecie di DISASTRO AMBIENTALE".

Nella denuncia sono specificate tutte le zone (con tanto di nomi di strade e località) che quotidianamente bruciano indisturbate oltre a tutti i Comuni interessati.
L'intero corpo della querela e il foglio per aderire all'iniziativa sono scaricabili e consultabili sulla pagina facebook "COORDINAMENTO COMITATI FUOCHI" oppure a questo link

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Fabbrica del falso alla Sanità: la scoperta della finanza

  • Salute

    Covid, da ricercatori napoletani arriva il vaccino in pillole

  • Cronaca

    Pippotto è evaso dal carcere: è accusato dell'omicidio Buglione

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento