menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Franco Roberti

Franco Roberti

Camorra, il procuratore Antimafia Roberti: “Non ha una strategia centrale”

Il procuratore Antimafia Franco Roberti ha descritto la malavita campana come suddivisa in gruppi da sempre, eccetto durante il periodo della Nco di Cutolo

La camorra è senza “una strategia centrale”, ma è piuttosto divisa in “gruppi camorristici più o meno autonomi”: così il procuratore nazionale Antimafia Franco Roberti ha descritto, a margine di un incontro alla Federico II, la situazione della criminalità organizzata.

“Non c'è mai stata in Campania – ha aggiunto Roberti – un'organizzazione capace di strategie generali a differenza per esempio dei gruppi siciliani e calabresi”. Situazione che ebbe soltanto un'eccezione, ovvero la Nuova camorra organizzata di Cutolo.

“C'è purtroppo una situazione di estremo pericolo per l'ordine pubblico – ha quindi aggiunto – che conosciamo, e anche insediamenti di gruppi camorristici in vaste aree della regione che devono essere sradicati”.

“A Napoli si sta facendo molto sul piano della repressione penale, ma anche della prevenzione soprattutto giudiziaria”. “Ci servono anche altri interventi sul sociale – ha concluso – scuola, degrado urbano, occupazione giovanile. Tutto quello che serve per prevenire la criminalità giovanile”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento