Piazza Troisi, un progetto lungo 10 anni ma i lavori non sono ancora finiti

San Giorgio a Cremano, il finanziamento di 250mila euro risale al 2010 ma il cantiere è stato aperto solo nel 2020. Non rispettata la consegna prevista per il 20 gennaio. Il Comune: "In ritardo perché la Soprintendenza non ci da il via libera"

Prima rotonda, poi agorà, poi di nuovo rotonda. La storia di piazza Troisi, Comune di San Giorgio a Cremano, è travagliata da sempre. Lo è ancora di più da quando, nella primavera 2020, sono cominciati i lavori di rifacimento per una somma di circa 250mila euro. Dovevano finire il 20 gennaio 2020, invece il cantiere è ancora lì a creare non pochi disagi alla già deficitaria cricolazione stradale. 

Il cartello dei lavori, obbligatorio per legge, è scomparso da diverse settimane e, al momento, non è possibile sapere quando sarà consegnata la piazza. "Lo scandalo è che questo progetto è cominciato undici anni fa - denuncia Danilo Cascone, referente dell'Assoicazione Free Cremano - quando, per intercessione di Bruno Cesario, all'epoca sottosegretario del Governo Berlusconi (oggi fedelissimo di Vincenzo De Luca, ndr), il Comune ottenne il finanziamento. Non è comprensibile come sia possibile far trascorrere dieci anni per cominciare. E, soprattutto, non capiamo perché i lavori non siano stati completati".

Nel 2010, l'attuale sindaco di San Giorgio a Cremano Giorgio Zinno era vicesindaco con delega ai Lavori pubblici dell'amministrazione Giorgiano. Nel 2012, insieme al primo cittadino, firmò un opuscolo in cui venivano illustrate le meraviglie del progetto della nuova piazza. Da quell'opuscolo, trascorreranno circa otto anni per vedere la posa della prima pietra. 

La redazione di Napolitoday ha contattato Zinno per chiedere conto di questi ritardi e della nuova data di consegna della piazza. Il sindaco, però, non ha rilasciato interviste. A rispondere, informalmente, è stato il suo staff dal quale si apprende che il motivo del mancato rispetto della consegna, prevista per il 20 gennaio scorso, è una modifica al progetto originario, che prevede un aumento degli spazi verdi. Per questo cambiamento il Comune attende, da tempo, il via libera della Soprintendenza e, ad ora, non è possibile individuare una data di fine lavori. La speranza dell'Amministrazione è quella di rimuovere le transenne tra giugno e luglio 2021. 

Sul motivo per cui ci sono voluti dieci anni per passare dal finanziamento alla fase esecutiva del progetto non c'è stata alcuna risposta.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Piazza Troisi, un progetto lungo 10 anni ma i lavori non sono ancora finiti

NapoliToday è in caricamento