Cronaca

Maratona di Napoli 2013: vince il marocchino Laalami

L'atleta della Running club Futura ha concluso la gara in 2.21.01 precedendo in volata il connazionale Jaouad Zain, terzo il keniano Nicodemus Biwott

Maratona © Tm NewsInfophoto

È il marocchino Cherkaoui Laalami il vincitore della quindicesima edizione della maratona internazionale città di Napoli-trofeo Banco di Napoli. L'atleta della Running club Futura ha concluso la gara in 2.21.01 precedendo in volata il connazionale Jaouad Zain, terzo il keniano Nicodemus Biwott. Tra le donne prima Chiara Giangrande.


"Napoli merita grandi palcoscenici - ha affermato Gelindo Bordin, ex campione olimpico di Seul 1988 e
testimonial Diadora che ha partecipato ad una frazione della staffetta - Questa città ha le potenzialità per aspirare ad accogliere diecimila atleti sulla maratona, bisogna però lavorare sodo".

Cherkaoui Laalami (che corre con la Running club Futura) ha chiuso col tempo di 2.21.01, distanziando di 2" Zain e di mezzo minuto il keniano Biwott. Gara in solitario invece in campo femminile, dove ha trionfato la portacolori del Parco Alpi Apuane, Chiara Giangrandi, l'unica tra le atlete a tagliare il traguardo scesa sotto le tre ore (2.57.35). Sul podio Francesca Capobelli (3.18.09) e Nadia Tosi (3.21.13).

Nella mezza maratona ancora un atleta africano primo: si tratta di Abderrafii Roqti, tesserato con il gruppo sportivo della Guardia di Finanza. "E' stata - dice - una gara durissima, specie nei primi dieci chilometri. Poi ho avvertito buone sensazioni e le gambe hanno preso a girare sempre meglio". Tra le donne invece torna al successo dopo la vittoria dello scorso anno (oltre al secondo posto del 2011) Martina Rocco: "La mia partecipazione era soprattutto mirata a 'fare la gamba'. Poi ho capito con l'andare avanti della prova che potevo portare a casa la vittoria e allora ho spinto un po' di più". Sul podio gli atleti hanno trovato a salutarli anche la testimonial delle iniziative promosse dalla Guardia di Finanza, Antonietta Di Martino: "Napoli è sempre bella - sottolinea la saltatrice in alto - non a caso sono stata testimonial di questa maratona nel 2009. Per quanto mi riguarda, sto progressivamente riprendendomi dalle operazioni alle quali sono stata costretta a sottopormi, farò un punto della situazione verso fine stagione". (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maratona di Napoli 2013: vince il marocchino Laalami

NapoliToday è in caricamento