Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I ristoranti riaprono per due giorni: "Acqua che non toglie sete, ma che sia d'auspicio"

Poche presenze nel giorno del ritorno ai tavoli. I titolari dei locali del Lungomare sperano di poter riprendere a lavorare con regolarità dal giorno 11 gennaio

 

Ristoranti aperti per due giorni, un antipasto, sperano i titolari, di un ritorno a una parvenza di normalità dal giorno 11. Questa mattina, sono stati in pochi ad aver provato l'ebbrezza di sedersi di nuovo a un tavolino di un locale. Su Lungomare, la metà dei ristoranti non ha riaperto. Chi, invece, ha deciso di riaccendere l'interruttore lo ha fatto più per buon auspicio che per reale convenienza economica perché, come spiegano al microfono di Napolitoday, riaprire per 48 ore infrasettimanali rappresenta "...acqua che non toglie sete". 

La speranza è che venga confermata l'indiscrezione che vede la Campania zona gialla da lunedì 11, così da riprendere il lavoro con una certa continuità. Nel frattempo, i locali richiuderanno per il weekend 8-9 gennaio, quando tutta l'Italia ripiomberà in zona rossa. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento