rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca Nola

Festa dei Gigli, rissa tra paranze all'alba: 15 feriti

Incontro ravvicinato tra la "paranza" locale stella e quella barrese dell'Insuperabile. Botte, lanci di bottiglie e colpi di arma da fuoco uditi da alcuni testimoni

Rissa all'alba a Nola durante la tradizionale Festa dei Gigli. Sarebbero 15 le persone ferite. Coinvolti gruppi di uomini delle "paranze" - secondo quanto riporta ilnolano.it - quella locale della Stella e quella proveniente dal quartiere napoletano Barra, dell’Insuperabile, sarebbe scaturita la scintilla che intorno alle 5.30 ha scatenato il panico in strada: botte, lanci di bottiglie e colpi di arma da fuoco.

Tra le persone costrette a ricorrere alle cure mediche vi sarebbero anche donne e giovani trasportati all'Ospedale Santa Maria della Pietà. Polizia municipale e carabinieri sono intervenuti immediatamente per sedare gli scontri e riportare la calma. Dopo il caos la gente si è allontanata buttando via le maglie dei rispettivi gruppi che stamane erano ammucchiate per terra.

Nei giorni scorsi proprio sulla tradizionale festa religiosa c'erano state aspre polemiche in seguito all'intervento del sacerdote don Aniello Manganiello che aveva parlato di infiltrazioni camorristiche. Il commissario regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli e lo speaker radiofonico Gianni Simioli hanno così commentato: Qualcuno dovrà chiedere scusa a Don Aniello Manganiello il prete anticamorra, che da solo ha denunciato le infiltrazioni camorristiche e criminali dentro la festa ed è stato insultato e sbeffeggiato invece di essere ascoltato. Quello che è avvenuto è inaccettabile, indifendibile e ingiustificabile e dimostra a che livello di degrado è arrivata questa manifestazione pagana che oramai andrebbe o abolita o modificata in toto affidandola casomai proprio a Don Manganiello. Resta il dispiacere che per l'ennesima volta le istituzioni e la Chiesa non hanno compreso cosa stava succedendo attorno a questa kermesse facendo una difesa d' ufficio o mettendosi delle magliettine anticamorra folkloristiche invece di ascoltare le denunce di un uomo che vivendo in povertà in mezzo alla gente aveva capito prima di tutti quali personaggi e gruppi criminali stavano di fatto gestendo alcune "paranze" dei Gigli. Ci auguriamo che vengano individuati rapidamente i responsabili materiali, politici e amministrativi di questo disastro che ha danneggiato profondamente la città di Nola e l' intera Regione".

Festa dei Gigli a Nola - Foto dal web


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa dei Gigli, rissa tra paranze all'alba: 15 feriti

NapoliToday è in caricamento