rotate-mobile

Ecoballe, via alla rimozione di 120mila tonnellate. De Luca ai giornalisti: "Non fate i provocatori"

"Non fate i provocatori, ci vediamo in tribunale". Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, ha liquidato i giornalisti che gli hanno chiesto risposte in merito allo scandalo rifiuti, al coinvolgimento del figlio Roberto, alle eventuali infiltrazioni nella Sma.

Il governatore, a Giugliano per inaugurare il cantiere che provvederà alla rimozione di 120 tonnellate di ecoballe ha spiegato quale sarà il cronoprogramma, ha annunciato la progettazione di 15 nuovi impianti di compostaggio entro l'estate ma, alla prima domanda sull'inchiesta, giornalistica e giudiziaria, che ha investito la Campania negli ultimi giorni ha accelerato il passo e si è infilato nella sua automobile, eitando qualsiasi commento. 

A sottoscrivere la posizione del presidente anche il numero 2 di Palazzo Santa Lucia, Fulvio Bonavitaola: "Ombre sul ciclo dei rifiuti? Non mi risulta, non c'è nessuna inchiesta". Sono state le sue parole sull'argomento. Eppure, Roberto De Luca risulta indagato per corruzione e il presidente della Sma, Biagio Iacolare si è dimesso, rendendo necessaria la nomina di un tecnico per traghettare l'azienda.  

Intanto, esulta il sindaco di Giugliano, Antonio Poziello: "Vediamo le ecoballe diminuire giorno dopo giorno. Un passo verso la rinuncia al progetto di un termovalorizzatore, che noi non vogliamo assolutamente qui". 

Video popolari

NapoliToday è in caricamento