menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti: operai in sciopero al termovalorizzatore di Acerra

Circa 80 operai impiegati nel termovalorizzatore hanno iniziato con due ore di ritardo il loro lavoro per dimostrare solidarietà ai tre colleghi in sciopero della fame, per via del mancato rinnovo del contratto

Un'ottantina di operai impiegati nelle ditte del termovalorizzatore di Acerra hanno cominciato il loro turno di lavoro con circa due ore di ritardo. Hanno scelto di protestare così, pacificamente, per dimostrare la loro solidarietà ai tre precari che, da oltre due settimane, stanno effettuando uno sciopero della fame ed un presidio davanti all'impianto, a causa del mancato rinnovo del contratto.

La manifestazione dei lavoratori davanti ai cancelli dell'inceneritore è proseguita fino all'intimazione di sgombero da parte della polizia, che ha poi portato i tre precari nel locale commissariato per accertamenti. Uno dei tre lavoratori - impiegati  in una ditta esterna all'impianto - si è anche sdraiato sull'asfalto in forma di protesta, chiedendo a gran voce la riassunzione nel termovalorizzatore.


L'iniziativa di questa mattina, tuttavia, non ha provocato il blocco dei macchinari di incenerimento dei rifiuti, in quanto i turni della notte sono stati prolungati fino al termine della protesta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Salute

Al Policlinico Federico II visite ed esami gratuiti per le donne

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento