Cronaca

L’abbandono dei rifiuti aumenta l’inquinamento del pianeta

Continuano gli interventi di pulizia dei volontari di Napoli.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

Quando venne affrontato per la prima volta il problema dell’inquinamento, la prima cosa che venne riconosciuta fu la minaccia che comportava per la salute umana e le risorse naturali. Troppo spesso questo problema è passato nel dimenticatoio oppure si limitava solamente alla questione dell’inquinamento atmosferico causato dalle industrie e dai veicoli a motore. La triste realtà è però molto più vasta e drammatica. In realtà si è scoperto che l’inquinamento atmosferico è causato dalla contaminazione dell’aria da particelle di fumo e gas nocivi, principalmente ossido di carbonio, azoto e zolfo. Ad esempio, a causa dei gas di scarico dei veicoli, dalla cattiva gestione dei rifiuti nelle discariche e da incendi nucleari. L’inquinamento del terreno, invece, è causato dal degrado della superficie terrestre. Tra le cause c’è naturalmente lo smaltimento improprio dei rifiuti e dall’abuso delle risorse. Alcune tipologie includono: cassonetti sul lato della strada, fuoriuscite di petrolio, scarichi illegali negli habitat naturali e pesticidi e altri prodotti chimici agricoli. L’inquinamento provocato dai rifiuti è causato dalla cattiva gestione dei rifiuti solidi di origine umana e delle loro attività, partendo da chi li raccoglie fino alle aziende che ne gestiscono lo smaltimento. Gli effetti di questo tipo di inquinamento sono la diffusione di batteri nocivi, così come odori sgradevoli con il conseguente inquinamento atmosferico. Anche l’acqua viene contaminata, trasmettendo parassiti e batteri agli esseri umani. Ecco perché i volontari de La Via della Felicità continuano a portare avanti le iniziative di bonifica in alcune aree verdi della città di Napoli. Domenica mattina infatti i volontari, assieme alle associazioni Miniera dei Quartieri Spagnoli e Cleanap, si sono incontrati al Tondo di Capodimonte per continuare la bonifica e la sistemazione delle scale del sito culturale. I volontari de La Via della Felicità si sono ispirati dall’omonima guida al buon senso, scritta dall’umanitario L. Ron Hubbard che cita: “Se gli altri non ci aiutano a migliorare e proteggere l’ambiente, La Via della Felicità potrebbe non riuscire a trovare un itinerario da percorrere.” La Via della Felicità invita tutti i cittadini a partecipare e a segnalare zone che necessitano di un intervento dei volontari. Per maggiori informazioni scrivi a laviadellafelicitacampania@gmail.com o chiama il numero 393.287.9569 (Pascal). Ufficio Stampa La Via della Felicità

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’abbandono dei rifiuti aumenta l’inquinamento del pianeta

NapoliToday è in caricamento