menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza rifiuti, la spazzatura andrà in Spagna

Frazione umida tritovagliata inviata via nave. Cesaro: "Entro sei mesi saranno avviati i cantieri per la realizzazione del termovalorizzatore di Napoli Est. Necessaria una strategia che punti all'indifferenziata"

Un quantitativo giornaliero non ancora precisato di frazione umida tritovagliata sarà quotidianamente inviato in Spagna e non in Emilia Romagna, ipotesi valida fino a una quindicina di giorni fa e poi naufragata.

Lo ha fatto sapere il presidente della Provincia di Napoli Luigi Cesaro. "Entro sei mesi saranno avviati i cantieri per la realizzazione del termovalorizzatore di Napoli Est. Se, come sembra, il Governo introduce procedure semplificative, saranno allora tre mesi e non sei". La realizzazione dell'impianto dovrebbe "concludersi verosimilmente nel 2014, e garantirà una effettiva e completa autonomia".

Nel frattempo però, ha spiegato Cesaro, "è necessario individuare cave da destinare a discarica per il conferimento di frazione organica stabilizzata. Certo, qualora si sarà giunti a chiare determinazioni, si cercherà un confronto con le popolazioni interessate, prima di adottare qualsiasi provvedimento".

Nel corso del suo intervento in Consiglio provinciale, Cesaro ha anche ringraziato le altre Province per la solidarietà mostrata, oltre a ribadire la necessità di rivedere la norma della provincializzazione. "È necessario affrontare il problema della gestione dei rifiuti facendo ricorso a una complessa strategia che punti alla differenziata, a velocizzare gli iter per la realizzazione degli impianti di termivalorizzazione, compostaggio e gassificazione e a individuare nuovi sito per piccole discariche. Su questa vicenda non è il presidente Cesaro a giocarsi tutto, ma la politica perché su questo fronte non esistono maggioranza e opposizione. Tutti ci abbiamo messo la faccia".

L'autunno caldo dei rifiuti in Campania

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento