menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Riesame conferma il “Terzo Sistema”. Perna resta in carcere

Nessuna revisione della misura cautelare inflitta al presunto capo del nuovo clan camorristico di Torre Annunziata

Secondo il tribunale del Riesame il “Terzo sistema” a Torre Annunziata è una realtà. Nella città oplontina esiste, anche secondo i magistrati del tribunale delle Libertà, un nuovo clan camorristico composto da nuove leve giovanissime, alcune delle quali venute fuori dai clan “tradizionali”. Anche il tribunale partenopeo ha confermato l'esistenza del nuovo sodalizio criminale ed ha lasciato in carcere colui che viene considerato il suo capo, Ciro Perna. Confermata l'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del tribunale di Napoli e richiesta dal pm della Dda, Claudio Siragusa. L'impianto accusatorio dell'Antimafia è stato ritenuto attendibile e per il giovanissimo ras è stata confermata la misura cautelare. Una patente di attendibilità tutt'altro che lusinghiera per il nuovo gruppo nato da una costola del clan Gionta.

Un gruppo il cui presunto fondatore, Ciro Perna, ha subito l'onta di essere cacciato dal clan dei “valentini” ed ha voluto vendicarsi dando vita ad una squadra di giovanissimi che, a leggere le parole del Gip, si ispirava alla mafia corleonese e voleva spazzar via i due clan da sempre egemoni su Torre Annunziata. Prima il rapporto con l'allora reggente giovanissimo di palazzo Fienga, Sasà Paduano, poi l'arresto di quest'ultimo ed il tentativo di scissione «perché sono sempre stato più intelligente di lui». Fino alle “stese” e i segnali sul territorio per innervosire i gruppi camorristici già presenti fino ad attirarsi l'odio non solo dei Gionta e dei Gallo, ma anche della famiglia Tamarisco, gruppo dedito principalmente al traffico di sostanze stupefacenti tra Torre e Boscoreale. Un odio che, secondo l'Antimafia, doveva tradursi nel tentativo di spazzar via il nuovo gruppo da parte delle tre famiglie coalizzate perché stavano ledendo all'equilibrio creatosi attualmente, dando vita ad una nuova guerra di camorra.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, de Magistris sul contagio: "Zona rossa sempre più verosimile"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento