Cronaca

Rider aggredito durante rapina: 10 anni di carcere per i maggiorenni del branco

Il giudice, nella sentenza, parla di "sevizie e crudeltà"

Il gup del Tribunale di Napoli Nord Antonino Santoro ha condannato a 10 anni di reclusione i due maggiorenti del branco che la notte tra l'1 e il 2 gennaio 2021, in via Calata Capodichino, a Napoli, aggredirono un rider che stava effettuando una consegna per rubargli lo scooter. Un'azione messa a segno con altri complici minorenni e attraverso l'uso di un'arma.

I due condannati, difesi rispettivamente dagli avvocati Diego Abate e Giovanna Cacciapuoti, sono stati ritenuti colpevoli di tutti i reati contestati tra cui la rapina al rider, diventata poi virale sui social attraverso video, e anche di un altro colpo a mano armata, messo a segno a Casoria qualche ora prima. Agli imputati sono state riconosciute tutte le aggravanti contestate e per il giudice hanno agito con "sevizie e con crudeltà".

La condanna del giudice prevede anche un risarcimento a favore del rider, Giovanni Lanciato.

La brutale aggressione

I fatti risalgono al gennaio scorso. Il rider ha subito una violenta rapina a Calata Capodichino. Come evidenziato dalle immagini divenute subito virali sul web, il lavoratore, mentre era in servizio, è stato circondato da cinque persone venendo poi strattonato e picchiato in maniera selvaggia. I malviventi sono riusciti infine a trascinarlo a terra portandogli via lo scooter.

La vicenda di Giovanni fece scalpore e diverntò di portata nazionale. In suo favore partì anche una raccolta fondi, prima del ritrovamento del mezzo rubato e della riconsegna. Giovanni, però, dopo aver denunciato "i rischi" del mestiere ha lanciato appello per un nuovo lavoro. Tante le offerte pervenute: oggi, infatti, l'ex rider è impiegato in un supermercato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rider aggredito durante rapina: 10 anni di carcere per i maggiorenni del branco

NapoliToday è in caricamento