Bambino ucciso a Cardito, Massa Lubrense ricorda Giuseppe Dorice

Nella cittadina il piccolo viveva con le sorelle e la madre prima di trasferirsi a Cardito

A poco più di 20 giorni dall’incredibile tragedia, Massa Lubrense si ferma per ricordare il piccolo Giuseppe Dorice, il bambino ucciso a Cardito in seguito alle violenze perpetrare dal convivente della madre, Tony Essobti Badre. Domani un corteo partirà dal piazzale antistante il plesso scolastico don Milani e si dirigerà verso la Antica Cattedrale Santa Maria delle Grazie in piazza Vescovado dove alle ore 11 si terrà la celebrazione eucaristica in memoria del piccolo Giuseppe.

Il ricordo 

Si tratta di un modo per ricordare il bambino, un’iniziativa organizzata dal Comune di Massa Lubrense, dall’Istituto Comprensivo Luigi Bozzaotra e dalla Parrocchia Antica Cattedrale di Massa Lubrense. Massa Lubrense, infatti, è il paese della penisola sorrentina di cui è originaria Valentina Casa, la madre di Giuseppe, e nel quale il piccolo ha abitato fino a pochi mesi prima di morire, prima di trasferirsi insieme alla mamma ed alla sorella a Cardito con Tony Essobti Badre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dimagrire velocemente: la dieta Kempner per perdere fino a 20 chili in un mese

  • Il rider rapinato è ancora senza lavoro: rifiutate due offerte

  • Reddito di Cittadinanza, in 24 trovano lavoro: ecco cosa faranno

  • Campania zona gialla, ristoranti e bar con servizio al tavolo e al via i saldi invernali

  • Coronavirus, Campania zona gialla da lunedì 18 gennaio: l'indice Rt è inferiore a 1

  • Acqua, bicarbonato e limone: benefici e controindicazioni

Torna su
NapoliToday è in caricamento