Bambino ucciso a Cardito, Massa Lubrense ricorda Giuseppe Dorice

Nella cittadina il piccolo viveva con le sorelle e la madre prima di trasferirsi a Cardito

A poco più di 20 giorni dall’incredibile tragedia, Massa Lubrense si ferma per ricordare il piccolo Giuseppe Dorice, il bambino ucciso a Cardito in seguito alle violenze perpetrare dal convivente della madre, Tony Essobti Badre. Domani un corteo partirà dal piazzale antistante il plesso scolastico don Milani e si dirigerà verso la Antica Cattedrale Santa Maria delle Grazie in piazza Vescovado dove alle ore 11 si terrà la celebrazione eucaristica in memoria del piccolo Giuseppe.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ricordo 

Si tratta di un modo per ricordare il bambino, un’iniziativa organizzata dal Comune di Massa Lubrense, dall’Istituto Comprensivo Luigi Bozzaotra e dalla Parrocchia Antica Cattedrale di Massa Lubrense. Massa Lubrense, infatti, è il paese della penisola sorrentina di cui è originaria Valentina Casa, la madre di Giuseppe, e nel quale il piccolo ha abitato fino a pochi mesi prima di morire, prima di trasferirsi insieme alla mamma ed alla sorella a Cardito con Tony Essobti Badre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Nuova ordinanza di De Luca: pubblicato il testo e le linee guida (I DOCUMENTI)

Torna su
NapoliToday è in caricamento