Gli studenti ricordano Attilio Romanò, vittima innocente della camorra

All'istituto superiore 'Attilio Romanò' una mattinata per ricordare il giovane napoletano, vittima innocente di criminalità, a 15 anni dalla scomparsa.

 

All'istituto superiore 'Attilio Romanò' una mattinata per ricordare il giovane napoletano, vittima innocente di criminalità, a 15 anni dalla scomparsa. "Non è solo un momento di ricordo, ma anche di impegno - spiega Natalia Aprile, vedova di Romanò - Cerchiamo di trasmettere ai ragazzi gli stessi valori che possano aiutarli a scegliere la strada giusta".  

Attilio è una delle vittime della Faida si Secondigliano. E' stato ucciso il 24 gennaio 2005. Era al lavoro in un negozio di telefonini quando fecero irruzione i sicari che spararono 5 colpi di arma da fuoco. Il reale obiettivo del commando era Salvatore Luise, nopote dei boss scissionista Rosario Pariante. Attilio Romanò aveva 30 anni.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento