rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Cronaca

Cura ai tumori, la novità arriva da Napoli: "Una pianta uccide le cellule maligne"

Si tratta della Ruta graveolens, che uno studio della Sun, pubblicato anche sulla rivista scientifica Plos One, dimostra particolarmente funzionale contro il glioblastoma multiforme

La novità in fatto di cura dei tumori arriva da Napoli: uno studio condotto da ricercatori della Seconda Università degli Studi partenopea, e pubblicato sulla rivista scientifica Plos One, dimostra che una pianta dell'area mediterranea uccide le cellule maligne del cancro al cervello.

L'estratto della Ruta graveolens annienta cellule di glioblastoma risparmiando i neuroni non proliferanti, operando quindi una sorta di selezione, appunto come spiega Luca Colucci D'Amato, docente di Patologia generale del Dipartimento di Scienze e tecnologie ambientali biologiche della Sun, discriminando "fra le cellule cancerose e le cellule normali, uccidendo le prime e risparmiando le seconde".

Si tratta di una scoperta che potrà dimostrarsi preziosa nella lotta ad una forma tumorale particolarmente aggressiva: a oggi, nonostante terapia chirurgica, chemio e radioterapia, solo circa il 5 per cento dei pazienti colpiti da glioblastoma multiforme sopravvive.

La ricerca, coordinata da Luca Colucci D'Amato docente di Patologia generale della Sun, ha visto la partecipazione del laboratorio di Botanica della Sun, oltre che di Farmacologia dell'Università di Genova, di Floriana Volpicelli fisiologa della Federico II e di Marina Melone neurologa della Sun.

"Le sostanze naturali - ha spiegato Claudia Ciniglia, docente di Botanica della Sun - rappresentano un'importante sorgente di nuove molecole con attività terapeutica in molte malattie incluso il cancro. In particolare, Ruta graveolens è una pianta erbacea molto diffusa in Italia, della famiglia delle Rutacee cui appartengono anche i più noti agrumi". Ulteriori esperimenti sono in corso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cura ai tumori, la novità arriva da Napoli: "Una pianta uccide le cellule maligne"

NapoliToday è in caricamento