rotate-mobile

Dopo due anni riapre una delle strade più importanti di Napoli |VIDEO

Via delle Repubbliche marinare torna percorribile dopo i lavori per l'abbattimento del secondo ponte di Italia '90. Le operazioni, ferme per mesi, hanno avuto un'accelerazione grazie al passaggio del Giro d'Italia

Ci voleva il Giro d'Italia per restituire ai cittadini una delle principali arterie della città: via delle Repubbliche marinare. Sono stati i lavori straordinari richiesti dalla corsa rosa, che transiterà il giorno 11 maggio, a dare un'accelerazione al cantiere, fermo da mesi. La strada doveva essere consegnata ad aprile 2022, ma prima il ritrovamento di lastre d'amianto e poi l'aumento dei costi a seguito della guerra in Ucraina, hanno causato un rallentamento. 

I lavori erano cominciati nel 2021 per abbattere il secondo dei ponti eco-mostri realizzati per Italia '90. Opere che hanno rappresentato sono uno spreco di denaro pubblico e che hanno portato ai cittadini soltanto danni, come inquinamento per tutti coloro che abitavano con affaccio ponte e diffusa illegalità che trovava terreno fertile sotto al cavalcavia.

L'abbattimento del secondo mostro, costato un mione di euro circa, era stato deliberato già durante la prima Giunta de Magistris, ma sono stati necessari una decina di anni e diversi altri interventi amministrativi per sbloccare il cantiere. 

Via delle Repubbliche marinare è una strada fondamentale per diversi motivi. Quello più lampante è che rappresenta la via principale che collega Napoli Est alla Stazione centrale di Napoli. Se ne servivano non solo la i cittadini dei quartieri orientali, ma anche quelli di comuni limitrofi come San Giorgio a Cremano e Portici. Il secondo, non meno importante, è la presenza dell'Ospedale del mare di Ponticelli e dell'Università Federico II a San Giovanni a Teduccio. Inoltre, in tutti i piani di evacuazione in caso di emergenze sismiche o vulcaniche viene proposta come via di fuga. 

Per oltre due anni, gli automobilisti sono stati costretti a percorrere le stradine interne, spesso intasate, con tempi di percorrenza almeno raddoppiati. Il passaggio del Giro d'Italia, che da Napoli procederà verso Sud-Est, fino a Castellammare, oltre ad aver portato risorse aggiuntive, ha obbligato il Comune di Napoli a fare in fretta e furia quello che non era stato fatto fatto per mesi.  

Video popolari

Dopo due anni riapre una delle strade più importanti di Napoli |VIDEO

NapoliToday è in caricamento