menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ospedale San Paolo

Ospedale San Paolo

Ospedale San Paolo, allarme nel reparto rianimazione: è contaminato

Dallo scorso 26 gennaio. In alcune sale del presidio sarebbe stata rilevata la presenza di cariche batteriche con alcuni episodi di pazienti infetti

Da sabato 26 gennaio, il reparto di rianimazione dell'ospedale San Paolo è stato chiuso ufficialmente per problemi di indisponibilità di posti letto, come annunciato da Vincenzo Pucci, direttore dell’Unità di Anestesia e Rianimazione, ma in realtà ci sono altri problemi.

Come infatti segnalato dal Mattino, in alcune sale del presidio sarebbe stata rilevata la presenza di cariche batteriche con alcuni episodi di pazienti infetti (uno dal virus H1N1 e due da Klebsiella).

Il problema risiede adesso nel numero insufficiente di mascherine con filtraggio specifico da adottare in questi casi per il personale sanitario e nell'assenza del kit di tubi a circuito chiuso, oltre all'atavica carenza di padelle monouso e vaschette per lavare gli ammalati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento