Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

In casa un "museo" di reperti antichi: denunciato

L'uomo, di Portici, nascondeva anfore, piatti e altre ceramiche di pregevole fattura, alcune risalenti addirittura al seicento avanti Cristo

I reperti sequestrati

La guardia di finanza di Portici ha ritrovato, in un'abitazione del centro cittadino, 23 reperti archeologici in ceramica italiota, ceramica ad impasto buccheroide e vetro soffiato: si tratta di oggetti di un periodo che va dal seicento a.C. al medioevo.

Ampolle, brocche, piatti ed anfore in ceramica, tutte di pregevole fattura, raffiguranti tipiche scene di vita quotidiana dell'Italia meridionale, sono state sequestrate. Si stima che il valore di ogni singolo reperto si aggiri intorno ai 5mila euro. Il proprietario della casa non ne ha giustificato il possesso, ed è quindi stato denunciato in stato di libertà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In casa un "museo" di reperti antichi: denunciato

NapoliToday è in caricamento