Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il padre di Nicholas Green a Napoli: "Voglio cambiare la legge sulle donazioni"

 

La storia di Nicholas Green ha commosso l'Italia e il Mondo. Era il 1994, quando il piccolo Nicholas, americano di 7 anni, fu raggiunto da un proiettile mentre viaggiava verso la Sicilia con i suoi genitori. A esplodere quel colpo fu un rapinatore che scambiò la loro vettura per quella di un gioielliere. Nicholas morì e i suoi organi furono donati. Da quel giorno, il padre Reginald viaggia per far comprendere alle persone quanto è importante donare gli organi e quanto è importante poter conoscere chi ha ricevuto gli organi dei parenti deceduti. 

Ma questa possibilità non è concessa dalla legge italiana, che impedisce alla famiglia del donatore di sapere chi sia il ricevente. Per questo motivo, Il papà di Nicholas è tornato a Napoli, per una serie di incontri in cui racconterà la sua testimonianza: "Sono tornato in Italia per provare a cambiare questa legge - spiega Reginald Green - perché incontrare i riceventi degli organi di Nicholas è stato un momento molto bello per me, che mi ha fatto comprendere come avessi fatto la scelta giusta anni prima". 

Green ha incontrato, a Napoli, Marco Galbiati, padre di Riccardo, morto nel 2016 a 15 per un arresto cardiaco. Anche gli organi di Riccardo sono stati donati e Galbiati ha fatto molte ricerche per trovare chi li avesse ricevuti. Da quel momento, sta raccogliendo firme per cambiare la legge italiana. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento