Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Castellammare di stabia

Percepivano il reddito di cittadinanza nonostante avessero proprietà e attività: il sequestro

Scoperte due donne di Boscoreale e Castellammare

Tra il 13 e il 18 maggio, il Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata ha dato esecuzione a due distinti decreti di sequestro preventivo, l'uno emesso dal Gip del Tribunale di Torre Annunziata e l'altro emesso d'urgenza dalla procura, per un valore complessivo di oltre 17 mila euro nei confronti di due cittadine, rispettivamente di Boscoreale e di Castellammare di Stabia, entrambe sottoposte ad indagini per il reato di truffa aggravata per aver indebitamente percepito le rate mensili del "reddito di cittadinanza".

In particolare è emerso che le indagate avevano omesso di indicare - nelle rispettive Dichiarazioni Sostitutive Uniche - l'effettivo possesso di immobili e la percezione di redditi derivanti da attività imprenditoriale, al fine di accedere indebitamente al beneficio. Al termine delle distinte operazioni, nell'ambito delle quali si è proceduto anche all'esecuzione di perquisizioni domiciliari, sono stati sottoposti a sequestro rispettivamente una carta Postamat Reddito di cittadinanza, 2.900 euro in contanti e in denaro liquido depositato sui conti correnti e un immobile, pro quota, sino all'importo di seimila euro, 1.300 euro in contanti e due carte Postamat Reddito di cittadinanza. Le condotte fraudolente riscontrate saranno segnalate all'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale per l'adozione dei provvedimenti di competenza di quest'ultimo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Percepivano il reddito di cittadinanza nonostante avessero proprietà e attività: il sequestro

NapoliToday è in caricamento