Martedì, 16 Luglio 2024
La truffa

Finti acquisti col reddito di cittadinanza: in cambio soldi in contanti pagando una “commissione”

I negozianti intascavano dal 10 al 20% dalla finta vendita

Avrebbero consentito a numerosi titolari del reddito di cittadinanza l'irregolare spendita e monetizzazione del beneficio mediante la simulazione di acquisti di carne in realtà mai avvenuti. Il meccanismo prevedeva il pagamento elettronico con Pos tramite carta del reddito di cittadinanza e in cambio si ottenevano importi corrispondenti in denaro contante, decurtati di una percentuale trattenuta a titolo di "spese di commissione", variabile tra il 10% e il 20%.

È quanto hanno scoperto i militari del nucleo di polizia Economico-finanziaria della guardia di finanza di Napoli che hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo emesso dal gip del tribunale di Napoli di due macellerie e di denaro contante per 92mila euro oltre a titoli di credito (cambiali e assegni) nei confronti di tre soggetti indagati per truffa aggravata ai danni dello Stato e usura. Dalle investigazioni sono anche emersi indizi su una probabile erogazione di prestiti di denaro in favore di soggetti bisognosi dietro corresponsione di interessi usurari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finti acquisti col reddito di cittadinanza: in cambio soldi in contanti pagando una “commissione”
NapoliToday è in caricamento