menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Camorra: imprenditori casertani nelle mira dei Casalesi

Scattate poche ore fa le manette a due affiliati al clan. Pisani, capo della Squadra mobile di Napoli: gli imprenditori, spesso da vittime a soci

La provenienza come marchio di fabbrica per gli imprenditori casertani attivi sia al Nord che al Sud Italia incapaci di sfuggire alla camorra. Insomma, basta essere della zona per rientrare nelle mire della camorra.

Questa ormai la strategia, sempre più confermata da indagini e arresti, che da anni i Casalesi sta portando avanti.

Nuovi arresti proprio oggi nel casertano: in manette sono finiti gli imprenditori edili nonché fratelli, L. e V. A.. Entrambi ritenuti affiliati visto che il clan imponeva la loro ditta.

Perché ciò avvenga, esistono due canali. Lo ha spiegato il capo della Squadra mobile di Napoli, Vittorio Pisani. Nel primo caso, gli imprenditori vittime decidono di diventare soci e anziché pagare le tangenti, iniziano a lavorare per conto dei Casalesi. Nel secondo caso, sono gli imprenditori a voler fare affari al pari della camorra e a cedere ai clan delle quote societarie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento