rotate-mobile
La decisione

In trasferta per rapine in banca: arriva lo sconto di pena

Tre i colpi messi a segno in agenzie del Mugello

Giuseppe Palma, 41enne di Giugliano in Campania, destinatario di un provvedimento di cumulo emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Firenze, si è visto riconoscere il vincolo della continuazione dal Giudice del Tribunale di Firenze, dottor Pizzuti, che su istanza dell’avvocato Luigi Poziello, gli ha concesso uno sconto di pena di due anni di reclusione (rideterminando una pena di tre anni e quattro mesi di reclusione in un anno e quattro mesi di reclusione). 

Partivano in macchina da Napoli per mettere a segno rapine in istituti bancari del Mugello. Per questo Palma insieme a un complice sono stati ritenuti responsabili di tre colpi in Toscana tra aprile e luglio 2010. Entrambi di Giugliano, furono raggiunti da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta dal gip di Firenze.
Al momento della notifica del provvedimento da parte dei carabinieri si trovavano già in carcere per altri reati, rispettivamente negli istituti di Avellino e di Poggioreale a Napoli. I due rapinatori vennero individuati dai carabinieri comparando i fotogrammi estrapolati dai sistemi di videosorveglianza e le loro foto segnaletiche.

I due rapinatori nel 2010 hanno messo a segno ben tre rapine ai danni di altrettante agenzie della Banca di Credito Cooperativo del Mugello di Scarperia, Vaglia e Borgo San Lorenzo. Travisati con Ray Ban e cappellino e minacciando i presenti con un taglierino, erano sicuri di non essere riconosciuti. Una al mese ad aprile, maggio e luglio 2010, per un totale di oltre 20mila euro di bottino. Le tre rapine messe a segno nel Mugello fruttarono 15mila euro la prima, solo poco più di 200 euro la seconda e oltre 7500 euro la terza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In trasferta per rapine in banca: arriva lo sconto di pena

NapoliToday è in caricamento