Sgominata banda di rapinatori di supermercati: sei i colpi messi a segno

Arrivavano su scooter e facevano irruzione armati di pistola e col volto travisato, razziando a man bassa denaro tra addetti alle casse e clienti terrorizzati

Agivano sempre con lo stesso modus operandi e in due mesi avevano commesso sette rapine, sei ai danni di altrettanti supermercati e una in uno studio legale.

Arrivavano su scooter e facevano irruzione armati di pistola e col volto travisato, razziando a man bassa denaro tra addetti alle casse e clienti terrorizzati. In un altro caso avevano rapinato i clienti e il titolare di uno studio legale, rinchiudendo poi tutti nello stanzino dello studio prima di darsi alla fuga.

Stamattina, dopo indagini coordinate dalla Procura di Napoli, i Carabinieri della Stazione di San Giorgio a Cremano hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP partenopeo.

I COLPI DELLA BANDA: VIDEO

Si tratta di tre persone ritenute responsabili di rapina in concorso e ritenute autori, a vario titolo, delle seguenti rapine:

- il 14 marzo 2018 a Portici, all’interno di uno studio legale si erano fatti consegnare dal titolare dello studio e dai clienti 440 euro in contante, un orologio e uno smartphone; prima di darsi alla fuga avevano chiuso le vittime nel ripostiglio;

- il 5 aprile 2018, in un supermercato di Ercolano, si sono fatti consegnare dai dipendenti circa 2.000 euro;

- il 6 aprile 2018, in altro supermercato ma a Portici, avevano rapinato altri 2.000 euro circa;

- il 10 aprile 2018 a Cercola avevano rapinato 1.600 in un supermercato;

- l’11 aprile 2018 a San Giorgio a Cremano si erano fatti consegnare dai dipendenti di un supermercato contante per circa 2.000 euro;

- il 12 aprile 2018 a Napoli, nel quartiere Barra, avevano costretto i dipendenti di un supermercato a consegnare circa 1.000 euro;

- il 14 aprile 2018 ad Ottaviano, avevano rapinato i dipendenti di un supermercato di circa 2.000 euro.

La loro identificazione è avvenuta a seguito di indagini, sia di natura tecnica che tradizionale, partite con l’esame di immagini di videosorveglianza, proseguite con servizi di osservazione, controllo e pedinamento, culminate con individuazioni di persona e perquisizioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Uno del trio, un 42enne, ha commesso i raid insieme ai complici più giovani in stato di semilibertà, misura alla quale era stato sottoposto dopo aver scontato 10 anni di reclusione per rapina. La sera, dopo i raid, rientrava nell’istituto penitenziario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - A centrocampo può restare Palmiero: "Decidono Gattuso e Giuntoli"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Coronavirus, De Luca: "Tra fine ottobre e novembre attesa la ripresa del contagio"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento