Mercoledì, 27 Ottobre 2021

Rider aggredito, la macelleria Bifulco: "Aspettiamo Gianni per una prova"

Il titolare del negozio di Ottaviano: "Sono rimasto allibito da quella scena di violenza. Una persona della sua esperienza non può fare le consegne"

Dopo lo choc, per Gianni Lanciano, il rider aggredito e rapinato a Calata Capodichino, si sono succeduto molte buone notizie. Dalla colletta per sostenerlo al fermo dei sospettati, fino ad arrivare a un'offerta di lavoro. Questa mattina, intervistato dai giornalisti, il 52enne aveva dichiarato: "Vorrei tornare a fare il macellaio, lavoro svolto per 27 anni". Detto fatto, poche ore dopo si è fatta avanti la Macelleria Bifulco, noto marchio della zona Vesuviana. 

"Già prima delle feste natalizie cercavamo figure altamente preparate nel nosto settore - spiega il titolare Luciano Bifulco - Quando hovisto le scene della rapina sono stato male e ho pensato che le nostre esigenze e quelle del povero Gianni potessero incrociarsi. Ho sentito che ha una grande esperienza come macellaio, con tutto il rispetto non dovrebbe fare le consegne. Lo aspettiamo a braccia aperte per una prova, sperando che poi l'incontro possa tramutarsi in un rapporto di lavoro di lunga durata". 

A questo punto, si attende la risposta di Lanciano, che potrebbe regalare un lieto fine a una storia iniziata nel peggiore dei modi. 

Sullo stesso argomento

Video popolari

Rider aggredito, la macelleria Bifulco: "Aspettiamo Gianni per una prova"

NapoliToday è in caricamento