"Era un tossico": a NapoliToday la verità sulla rapina al ristorante nei Quartieri

Preferisce restare anonimo ma il titolare è un imprenditore molto noto nei Quartieri Spagnoli. "Non hanno preso l'incasso", ci dice, "ma hanno rapinato due tavoli. Intanto la Polizia sembra aver già individuato i responsabili

(via Sergente Maggiore, la strada in cui è avvenuta la rapina / foto schiavon)

"Non erano due rapinatori ma uno, un tossico, già sappiamo chi è". A NapoliToday parla il proprietario del ristorante rapinato ieri in via Sergente Maggiore, nei Quartieri Spagnoli. Vuole restare anonimo e non rivelare il nome del locale, ma è un imprenditore molto noto nei Quartieri Spagnoli. "Erano le 22:20 circa", spiega, "è entrato qui pistola in pugno, il complice lo aspettava fuori sullo scooter. Ha puntato due tavoli, quelli più vicini all'ingresso. Ha rubato i portafogli di questi clienti e poi ha cercato di avere l'incasso ma non ci è riuscito ed è scappato". 

Secondo il proprietario si tratta di un tossicodipendente tristemente noto nel quartiere. "Vede, noi qui siamo ben conosciuti e dopo la nostra apertura molti altri locali sono sorti. Napoli sta vivendo un momento positivo e sorgono tante attività: nei Quartieri Spagnoli non si sono mai visti tanti turisti. Per questo vogliamo maggiore protezione e aspettiamo con fiducia l'esito delle indagini". Intanto fonti di Polizia riferiscono che il cerchio si è già stretto sui responsabili della rapina a mano armata. Già in giornata potrebbero esserci novità importanti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento