Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così rapinavano i turisti in centro | VIDEO

La polizia ha arrestato tre napoletani, ritenuti responsabili di furti ai danni dei visitatori. Nel video è ricostruito il modus operandi della banda. Il più giovane fermato ad Amsterdam

 

Arrestati tre cittadini italiani ritenuti responsabili di rapina aggravata, avvenuta il 12 luglio 2019 a Napoli. Le indagini, condotte dalla polizia, in particolare della squadra mobile, sono partite a seguito della denuncia della vittima, un turista di nazionalità cinese. L’attività investigativa, corredata dall’acquisizione e dall’analisi dei sistemi di video-sorveglianza presenti nell’area dell’evento criminoso, ha consentito di ricostruire le fasi antecedenti e successive al reato, delineando il modus operandi del gruppo costituito da quattro persone.

La vittima, in visita nel centro storico della città di Napoli in compagnia della propria famiglia è stata dapprima individuata in via Dei Tribunali e successivamente pedinata in ogni suo spostamento per circa 30 minuti, sino al momento in cui giunta a piazza Miraglia è stata aggredita con una mossa fulminea da uno dei rapinatori. Dopo avergli strappato dal polso con violenza un orologio “Richard Mille” del valore di 100.000 euro se ne è liberato immediatamente, in un vicoletto adiacente, consegnandolo, occultato in una busta gialla, al complice, per poi raggiungere in via San Sebastiano il terzo ladro che lo attendeva a bordo dello scooter già in marcia pronto per la fuga.

Il più giovane dei tre si è reso irreperiile partendo per l’Olando, ma è stato fermato ad Amsterdam dalla polizia locale a seguito di un mandato di cattura internazionale.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento